Il cane ha salvato la vita di un proprietario paralizzato, impedendogli di congelare nella neve

Gentilezza

Un uomo di nome Bob ha festeggiato da solo il Capodanno. La sua casa era condivisa solo con lui e il golden retriever Kelsey – un cane molto intelligente e leale.

Bob stava guardando la partita di calcio quando il legno per il camino si è esaurito. Ha deciso di prendere un altro pacchetto dal cortile e ha attraversato la strada, indossando solo una camicia leggera e pantofole.

L’uomo non ha visto che stava gelando gravemente quella notte.

E il terreno era coperto da una crosta di ghiaccio. Bob ha scivolato, è caduto e si è fatto male alle vertebre cervicali.

Il midollo spinale ha subito danni e l’uomo si è sentito paralizzato – non poteva stare in piedi né muovere le sue membra.

Ai suoi lamenti, Kelsey è corso fuori di casa.

Il cane ha iniziato a riscaldare il padrone con il suo corpo, leccandogli costantemente il viso e le mani per evitare che la sua pelle gelasse.

Nel frattempo, il cane ha aiutato a chiamare aiuto, abbaiando e ululando con tutte le sue forze.

Tuttavia, la casa di Bob era in periferia, quindi nessuno li ha sentiti per le successive 20 ore.

Al mattino, Bob era rauco e ha perso conoscenza, ma il cane ha continuato ad abbaiare e a riscaldarlo con il suo pelo e il suo calore.

Quasi un giorno dopo, sono stati finalmente sentiti da un vicino che ha chiamato un’ambulanza per la vittima.

Il paziente è stato trasportato in ospedale, ha subito un intervento chirurgico e – sorpresa! – già il giorno seguente, la capacità di Bob di muovere le sue braccia e le sue gambe ha cominciato a tornare.

I medici sono stati molto sorpresi che dopo 20 ore trascorse nella neve, nel freddo e incosciente, l’uomo non abbia avuto gelate.

Affermano all’unanimità che il merito va a quella brava cagnolina Kelsey!

Valuta l'articolo
Condividi Con Gli Amici
Aggiungi un commento